“Educare è di per se un atto di speranza, non solo perché si educa per costruire un futuro, scommettendo su di esso, ma perché il fatto stesso di educare è attraversato da una prospettiva di speranza. Gli insegnanti, infatti, dovrebbero tenere sempre presente l’enorme contributo che apportano alla società da questo punto di vista, perché la speranza, quale simbolo fondamentale di redenzione e salvezza e che diventa per noi pane quotidiano della verità, consente a tutti di seguire la marcia, di riprendere il cammino.” 
Jorge Maria Bergoglio – Cardinale di Buenos Aires

CHI ERAVAMO

L’istituto “Sacra Famiglia” di Cremona nasce all’inizio del secolo scorso dal carisma di una sacerdote piacentino, monsignor Torta, che fonda la congregazione delle “Suore della Divina Provvidenza dell’infanzia abbandonata”.
Le suore, provenienti da Piacenza, realizzano un’opera educativa grandiosa, per bambini sordomuti, in via XI Febbraio. Proprio qui, quasi dopo un secolo, la nostra scuola dell’infanzia “Sacra famiglia” continua l’opera di queste suore, tuttora presenti in alcuni momenti della giornata scolastica. La congregazione, che ha la casa madre a Piacenza, si dedica da qualche anno in modo particolare alle missioni in terra d’Africa.

suore Divina Provvidenza archivio 2
suore Divina Provvidenza archivio
super Divina Provvidenza archivio 3

CHI SIAMO

Le suore della Congregazione hanno assunto personale laico in grado di sopperire alla mancanza di personale religioso che continuasse la loro opera educativa. Da qualche anno il gruppo delle docenti della scuola dell’infanzia “Sacra famiglia” responsabili di sezione è stabile e consolidato. Ora le insegnanti in forza alla scuola dell’infanzia sono 5, di cui una a supporto e sostegno di tutte le classi.
A tutt’oggi la scuola ha quattro sezioni eterogenee, un centinaio di bimbi iscritti, collabora con esperti in attività psicomotorie, pedagogiche e nel campo della nutrizione. Offre il servizio di pre e post scuola, gestito dalle suore, vanta l’offerta di un percorso didattico originale, che ha nelle uscite didattiche e in un “racconto da vivere” tutto l’anno, i suoi punti forza.

Suor Liduina

Direttrice

Le insegnanti della scuola dell'infanzia
"Sacra famiglia" di oggi

Ale

Sezione Arancioni

Paola

Sezione Rossi

Elena

Sezione Verdi

Elena

Sezione Gialli

Greta

Insegnante di sostegno

Camilla e Grazia: ausiliaria e cuoca!

IMG_0718

Camilla è  nata in Romania nel 1973. Lavora alla Sacra dal 2007. Il suo ruolo è quello di pulire la scuola come uno specchio e aiutare le insegnanti in alcuni momenti della giornata: tutti conoscono “la Cami”! Di lei dice: “Mi piace viaggiare e sono appassionata di fotografie”.

IMG_1308

Grazia è la nostra cuoca e lavora presso la Sacra come ditta Pellegrini da ormai ben 17 anni! Abita in provincia di Cremona. E’ sposata e mamma di due ragazzi di 18 e 13 anni che hanno frequentato, se pur per breve tempo, la materna alla Sacra!

La nostra scuola dell'infanzia oggi: dove, come, quando

“Crescere e’ incontrare il mondo, incontrare la realta’.
Il bambino inizia e continua la sua avventura amorosa con il mondo
solo se ha accanto un adulto che gli infonde fiducia,
un adulto che gli comunica, attraverso gesti ed esperienze, modi di essere,
che incontrare il mondo e’ bello.”
Margaret Malher

7.30-9.00 Accoglienza in salone o in cortile: gioco libero
9.00-9.15 Canti e preghiera: inizia la nostra giornata a scuola!
9.15-11.20 Tutti in fila: si sale in sezione!
Bagno, spuntino e lavoro!
11.20-11.40 Si riordina, si va in bagno e si scende in mensa!
11.45-12-30 A pranzo in refettorio!
C’è il capotavola, che versa l’acqua e sparecchia,
ogni grande ha vicino il suo piccolo.
12.30-12.45 Si va in bagno e poi…
12.45-13-15 Prima uscita
12.45 I piccoli vanno a letto
12.45-13.30 Giochi e canti in salone o in cortile
13.30-15.15 Grandi e mezzani tornano nelle sezioni
15.15-15.30 Ci sistemiamo per salutarci! Si torna in salone!
15.30-16.00 Arrivano a prenderci: si torna a casa!
16.00-17.00 C’è chi si ferma per la merenda!

ps: i giorni dei laboratori verranno decisi a fine settembre e in seguito comunicati alle famiglie